Vedere com'era un sito od una pagina tempo fa

Mostrare l'anteprima delle schede aperte in Google Chrome
7 Giugno 2019
Windows Defender: ecco la protezione antimanomissione
11 Giugno 2019

La cache del motore di ricerca consente di vedere com’era un sito o una pagina web qualche ora o, al massimo, qualche giorno prima.
Effettuando una qualunque ricerca su Google, per esempio, e cliccando sulla freccia di colore verde posta a destra dell’URL di ciascuna pagina proposta fra i risultati dell’interrogazione, apparirà un menu composto di due voci: Cache e Simili.
Con un clic su Cache, è possibile accedere alla versione della pagina conservata nella cache di Google. Il motore di ricerca consente di vedere com’era la pagina selezionata nel momento in cui il suo contenuto è stato analizzato per l’ultima volta dal crawler, il software usato dai motori di ricerca che, con un approccio metodico e automatizzato, esamina quanto riportato in ciascuna pagina web seguendo poi i vari link in essa presenti.

Vedere com

Cliccando su Cache, nella parte superiore della schermata, si potrà subito verificare a quando si riferisce il contenuto recuperato dalla cache del motore di ricerca.
L’utilizzo della funzionalità Cache del motore di ricerca è utile anche per aprire un sito web anche quando questo risultasse irraggiungibile.
In altre parole, se si avesse l’esigenza di leggere il contenuto di una pagina web ma questa, diversamente, non venisse aperta, si potrà attingere alla cache di Google.

A volte la freccia di colore verde può non apparire a destra dell’URL, ad esempio quando Google non avesse ancora inserito tutti i contenuti nel suo indice.

La cache del motore di ricerca è disponibile anche su Microsoft Bing: il meccanismo è identico a quello proposto da Google con la differenza che in questo caso bisognerà cliccare sul link Memorizzati nella cache.

L’utilizzo della cache del motore di ricerca può per esempio aiutare, in caso di contestazioni, a dimostrare di aver pubblicato per primi un articolo o, viceversa, per attestare che un contenuto – in una certa forma – era pubblicato su un certo sito web.

Ma per vedere com’era un sito web tempo prima? Quando il crawler di qualsiasi motore di ricerca ripassa sulla stessa pagina web, le copie precedenti vengono automaticamente sostituite e ad oggi non v’è possibilità di risalirvi.

Come si presentava una pagina web tempi addietro

Tra gli strumenti più utili ed efficaci v’è sicuramente The Wayback Machine, una sorta di ‘macchina del tempo’ in grado di mostrare come sono cambiati i siti web nel corso degli anni.

L’archivio della Wayback Machine è molto ricco e permette di verificare com’era una pagina web nelle date indicate.
Non è possibile, tuttavia, specificare qualunque data: la ‘macchina del tempo’ conserva nella sua cache solamente un ridotto numero di pagine, spesso acquisite a intervalli irregolari.
Più un sito web è famoso e trafficato, tuttavia, maggiori saranno le probabilità di trovare molte pagine nella cache della Wayback Machine.

Una volta indicato l’URL del sito da verificare (senza http o https), nella parte superiore della schermata si troveranno il numero delle ‘catture’ della stessa pagina effettuate nel corso del tempo (‘captures‘).

Agendo sulla barra orizzontale, si potrà ‘viaggiare nel tempo’ e scoprire come si presentava una pagina in una data ben precisa.